Parliamo di revisioni auto e non è assolutamente la prima volta che lo facciamo in questo periodo. Come ben sappiamo infatti, a causa dell’epidemia di Coronavirus e del conseguente lockdown, le revisioni in Italia sono state prorogate.

Questo è il motivo per cui ovviamente la spesa per questa tipologia di controlli alle vetture è calata di molto del primo semestre del 2020, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno,; in effetti gli italiani da gennaio a giugno hanno speso 397,4 milioni di euro per far revisionare le loro auto nelle officine private specializzate e autorizzate. La spesa totale negli stessi mesi del 2019 è stata di 504,4 milioni di euro.

Il calo quindi è di ben 107 milioni, pari ad un -21%, siamo a conoscenza di questi dati grazie ad un’elaborazione realizzata a cura dell’Osservatorio Autopromotec, con le informazioni date dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La contrazione della spesa è principalmente causata da una forte diminuzione dei veicoli revisionati, che nei primi sei mesi di quest’anno sono stati 5.941.397, mentre erano 7.541.416 nel 2019.

Le revisioni eseguite quest’anno sono diminuite a causa della pandemia e soprattutto per via dei limiti alla circolazione, erano infatti vietati tutti gli spostamenti non necessari per il contenimento del virus nel periodo più acuto dell’emergenza, ovvero nei mesi di marzo e di aprile. A causa di queste limitazioni ovviamente la maggior parte degli automobilisti non hanno avuto più modo e possibilità di portare i mezzi a fare la revisione in tempo.

Lo scorso mese di marzo, con il noto Decreto ‘Cura Italia’ di cui abbiamo tanto parlato, è stata concessa una la proroga al 31 ottobre 2020 del termine ultimo di scadenza delle revisioni in scadenza fino al 31 luglio. Oggi sono previste altre novità in questo ambito, introdotte con il DL Semplificazioni, che prevede nuovi scaglioni di termini entro i quali fare la revisione, fino a febbraio 2021.

Oggi in Italia, fino al 31 ottobre, potranno circolare i veicoli che devono fare la revisione entro il 31 luglio 2020. Oltretutto è rispettivamente autorizzata la circolazione fino al 31 dicembre 2020 dei veicoli da sottoporre ai controlli entro il 30 settembre 2020, possono anche circolare fino al 28 febbraio 2021 i mezzi che devono fare la revisione entro il 31 dicembre 2020.

Anche l’Unione Europea ha prorogato le scadenze a causa dell’emergenza sanitaria, estendendola a tutti i veicoli in scadenza tra il primo febbraio e il 31 agosto, dando la possibilità di circolare regolarmente sul territorio UE per sette mesi oltre i termini.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *