Siamo usciti da poche settimane da uno dei periodi più brutti e tristi degli ultimi anni, quello del lockdown causato dalla pandemia di Coronavirus, che ha messo in ginocchio il Paese e dal quale il settore auto è uscito distrutto.

La crisi continua infatti per il comparto automotive, i segnali di ripresa oggi sono ancora veramente bassi e la situazione difficile ha anche cambiato di molto le priorità negli investimenti degli imprenditori del settore. Secondo quanto emerge dal rapporto Global Automotive Outlook presentato dalla società di analisi Alix Partners, i costruttori di auto oggi hanno “paura” di confermare i loro investimenti sulle tecnologie per la guida autonoma.

Era un settore in via di sviluppo prima dell’inizio dell’epidemia di Covid-19, non c’è alcun dubbio, ma oggi ancora si tratta di angoli poco conosciuti, di sistemi e tecnologie immaturi, che necessitano di capitali ingenti per svilupparsi a dovere e soprattutto di norme e regole che ancora non esistono; è chiaro quindi che, in un periodo di incertezza come questo, le Case auto si tirino indietro.

L’unica che sembra non perdere le speranze però è Tesla, Elon Musk ha infatti annunciato che entro la fine dell’anno arriverà la prima auto a guida autonoma. Il CEO ha dichiarato che l’azienda di Palo Alto è molto vicina alla tecnologia di livello 5, che non prevede l’assistenza da parte del pilota: l’auto va da sola, senza volante e senza alcun comando da parte dell’uomo.

Elon Musk ritiene quindi che il 2020 sia l’anno giusto per arrivare all’introduzione delle prime funzioni conformi al livello 5 di guida autonoma sulle sue auto. Al momento le famose elettriche di Tesla dispongono dell’Autopilot, sistema avanzato, aggiornato e migliorato continuamente con aggiornamenti rilasciati via etere.

Ad oggi Uber e Waymo, insieme ad altre società della Silicon Valley, investono costantemente nella guida autonoma. Waymo, ad esempio, ha annunciato di aver raccolto recentemente un investimento esterno pari a 2,25 miliardi di dollari. Si tratta di una delle aziende che si trova in testa alle classifiche dei migliori investitori per la realizzazione di “auto senza alcun conducente”; entro la fine dell’anno verrà installato un nuovo hardware, che permette alle vetture di captare autonomamente un segnale di stop fino a 500 metri di distanza e con una gran precisione. Waymo ha sviluppato un sistema di guida autonoma che funziona grazie a 29 telecamere, sistemate tutte attorno alla carrozzeria, un Lidar ad emissione laser e un radar. Dopo la mega promozione per la Tesla Model Y, attendiamo anche gli sviluppi nel campo della guida senza conducente.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *